martedì 14 gennaio 2014

Torta mimosa al fior d'arancio

La foto è un pò buia e mi dispiace, perchè la torta meritava davvero un pochino più di attenzione nel set fotografico...
Questa è una delle rare volte in cui faccio una cosa per la prima volta e ne esco soddisfatta, probabilmente come dice mio marito, è stata fatta con amore, visto che era per cari amici e la giornata uggiosa necessitava di un pò di luce...
Così in mezzo a questo piovoso inverno, ho aperto un piccolo spiraglio primaverile di colore e, nel gusto, per aumentare la sensazione floreale, ho usato l'estratto di fiori d'arancio, meglio di un bouquet di fiori sulla tavola!




Tempo di preparazione: 1 ora
Tempo di cottura: 30 minuti

Ingredienti: (per una torta da 26 cm)
per il pan di spagna
400 gr di uova intere
300 gr di farina 00
300 gr di zucchero
sale

per la crema pasticcera
4 tuorli
30 gr di maizena
80 gr di zucchero
500 ml di latte
1 cucchiaio di estratto di fiori d'arancio

per la bagna
2 cucchiai di estratto di fiori d'arancio
1 cucchiaio di zucchero
300 ml di acqua

Prendete due stampi 1 da 26 cm e uno da 22 cm, imburrateli e infarinateli.
Preparate il pan di spagna iniziando a montare le uova intere con lo zucchero finchè non "scrivono" ovvero finchè l'impasto non diventa spumoso e ci mette un pò ad affondare se ne fate cadere sopra qualche goccia.
A questo punto aggiungete la farina setacciata, e mescolate dal basso in alto con una frusta a mano, con delicatezza, per evitare di smontare l'impasto. Versate nelle due teglie, dividendo l'impasto circa 2/3 in quella da 26 e 1/3 da 22. 
Mettete in forno già preriscaldato a 180° per 30 minuti.

Nel frattempo preparate la crema pasticcera, mettendo a scaldare in pentola il latte, e sbattendo in una ciotola i tuorli con lo zucchero con l'aggiunta poi dell'amido di mais e dell'estratto di fiori d'arancio.
Quando il latte è caldo ma non bolle ancora versatelo lentamente nella ciotola e amalgamate con la frusta per evitare la formazione di grumi, rimettete tutto sul fuoco fino ad ebollizione continuando a mescolare. A questo punto la crema è pronta e deve raffreddare in una ciotola coperta da pellicola per evitare che si crei la crosta.
Fate raffreddare il pan di spagna almeno un paio d'ore prima di tagliarlo e poi, cominciando con quello da 26, togliete la buccia sopra e poi tagliatelo a metà altezza per creare i due strati.

Preparatevi la bagna in una bottiglia di plastica e procedete in questo modo: partendo dalla base, innaffiate bene di bagna, mettete un abbondante strato di crema e poi coprite con la restante torta (bagnate per bene anche questa parte), a cui non avrete tolto la forma a cupola (che vi permetterà di dare la caratteristica forma al dolce). Ricoprite tutta la cupola e i bordi con la restante crema, spalmatela bene.
A questo punto prendete l'altro pan di spagna piccolo, togliete anche a questo tutte le parti colorite dalla cottura, e tagliatene dei piccolissimi cubetti gialli di circa 0,5 cm l'uno. Con questi cubetti ricoprite tutta la superficie esterna della cupola. Se li tagliate regolari e ben puliti, il giallo del pan di spagna vi darà proprio l'impressione del fiore della mimosa, da qui il caratteristico nome della torta.

1 commento: