martedì 19 marzo 2013

Stinco di maiale arrosto alla birra






Visto il tempo che non accenna a virare verso la primavera, non mi resta che cimentarmi in altre ricette al forno, di quelle che facciano bene allo spirito!
Magari non sarà una delle ricette più raffinate che conosciate, ma sono sicura che davanti alla parola stinco un pò di acquolina vi viene eh?
Perchè c'è qualcosa di molto divertente e "preistorico" nel cimentarsi con questi cosciottoni dall'osso sporgente, come quelli dei cartoni animati! A me ha sempre fatto venire molto buonomore mangiare come Asterix e Obelix e questo di sicuro è un piatto che mette allegria!
In più, e non guasta, è economico e semplice da fare, provate!



Tempo di preparazione: 10 minuti + 30 minuti di macerazione
Tempo di cottura: 1 ora e 30 minuti

Ingredienti per 4 persone:
4 stinchi di maiale
1 birra rossa da 50 ml
sedano
alloro
rosmarino
ginepro
sale
olio extra vergine d'oliva
pepe


Lavate gli aromi e tagliate a pezzetti grossolani il sedano. In una casseruola capiente mettete a mollo gli stinchi nella birra e immergetevi anche tutti gli aromi, (sedano, alloro, rosmarino, ginepro), aggiungete 2 cucchiai di olio, salate e pepate.
Lasciate riposare per una mezz'ora in modo che gli aromi penetrino nella carne.

Accendete il forno a 180°, preriscaldate e mettete in un tegame i vostri stinchi con gli aromi, scolandoli dalla birra. La birra vi servirà per aggiustare l'umidità durante la cottura. 
Infornate e lasciate cuocere. Ogni mezz'ora circa aggiungete 1/3 di birra (quella che avete usato per bagnare gli stinchi) e girateli sopra sotto per uniformare la cottura. 

Quando saranno belli pronti, la carne sarà rosolata e si staccherà senza fatica dall'osso.
Se volete fare una cottura più veloce, chiedete al vostro macellaio di tagliarveli a metà, dimezzerete i tempi, anche se sarà meno scenografico da vedere.
Servite accompagnando con patate e carote arrosto.

3 commenti:

  1. io lo faccio sempre in umido, devo provarlo a fare anche arrosto. Buona giornata

    RispondiElimina
  2. Anche io di solito lo preparo in umido, ma questa versione sembra promettere bene. Un caro saluto e a presto, Alison

    RispondiElimina
  3. Ciao compliementi per il tuo blog è bellissimo mi sono iscritta come follower se ti va passa anche da me
    a presto ciao

    http://nailartpassopasso.blogspot.it/

    RispondiElimina